A vattut’ e ll’astreche

A vattut’ e ll’astreche – U’ Punton

11138_1283761503042_5048562_nA vattut’ e ll’astreche o “U’ Punton” è una danza che rappresenta la  copertura  di alcuni tetti delle case isolane, fatte fino a qualche  tempo fa, soprattutto a  Buonopane, con la  caratteristica cupola  detta  “carusiello” che richiama  in qualche modo l’architettura araba. Il proprietario, al mattino presto, dopo aver preparato  un impasto di lapillo e calce, legava  una  bandiera  ad  un lungo  palo  di castagno affinchè fosse visibile  ad una buona distanza. Essa  serviva ad  annunciare l’evento ed  a chiamare a raccolta  i  giovani  robusti perchè,  gratuitamente, collaborassero. Era  una  festa per tutto il paese: i 11138_1283761463041_3580794_ncontadini, riposte  le  zappe  ed abbandonati i campi,  accorrevano a  portare   il contributo di braccia abituate  a duri lavori. All’alba giungevano anche i battitori o  “puntunari”, recando in spalla il proprio bastone,  con  esso  veniva  pressato a   furia   di   colpi ritmati e  violenti  il  lapillo spruzzato ininterrottamente con succo di calce. Era per i battitori una  fatica enorme, un carosello incessante attorno alla cupola; i vari movimenti  erano 11138_1283803904102_4637419_nscanditi da clarini e tamburi e significava  essere presi nel vortice di una danza frenetica che bisognava portare a termine: in  essa i lavoranti davano orgogliosamente prova di abilità e forza. Una breve pausa  per  mangiare  qualche  zeppola e tracannare vino, poi  si riprendeva  il lavoro  che continuava  senza  interruzione,  altrimenti  il  risultato  di tanta  fatica  non  sarebbe stato perfetto. A sera, finalmente, tutti  a  tavola:  coniglio, zeppole  e vino  a  torrenti,  uniti  a lazzi, canti  e balli.

 

Testo (dialetto napoletano):

Sarturella mia

‘nnammuratella ‘e primma gioventù

tu ir’ ‘na Maria

e mò te si’ cagnata pure tu

all’angule ‘e chesta via

quanta malincunia

Sarturella mia….. Sarturella mia….

Chi ‘a cunusceva nun po’ dir di male

era ‘na bona figlia overamente

teneva ‘a mamma soia ind’ ’o spitale

vulesse fatica’ onestamente

chi a cunusceva nun po’ dir di male

nu’ ne po’ dir di male

Nun saccio ch’è succiesso a Murupano

nun saccio ch’è succiesso a Murupane

nun saccio ch’è succiesso a Murupano

nun saccio ch’è succiesso a Murupane

e nu prevuto s’ha vasato

e nu prevuto s’ha vasato

e nu prevuto s’ha vasato a ‘na ffigliola

a ‘na ffigliola.

E cu’ la scusa de la cunfessare

e cu’ la scusa de la cunfessare

E cu’ la scusa de la cunfessare

e cu’ la scusa de la cunfessare

a lu prevuto s’è ‘izato ‘u spenghelone

‘u spenghelone

Te voglio fa’ verè’ comme rindenna

te voglio fa’ verè’ comme rindenna

te voglio fa’ verè’ comme rindenna

te voglio fa’ verè’ comme rindenna

chillu campaniello ca

chillu campaniello ca

chillu campaniello ca

m’ha rato mamma

m’ha rato mamma

Corre la mamma comme ‘na janara

corre la mamma comme ‘na janara

corre la mamma comme ‘na janara

corre la mamma comme ‘na janara

Io mò te vaco accusà’

io mò te vaco accusà’

io mò te vaco accusà’

da Monsignore

da Monsignore

E Monsignore a me che me po’ fare

e Monsignore a me che me po’ fare

e Monsignore a me che me po’ fare

e Monsignore a me che me po’ fare

io me levo la suttana

io me levo la suttana

io me levo la suttana

e po’ me ‘nzoro

e po’ me ‘nzoro.

Commenti

Commenti